• Riva di Traiano: ecco l’Invernale “senza compromessi”

      Come sempre un invernale “senza compromessi” quello di Riva di Traiano, che anche in questa edizione 2016/2017 si conferma al top della vela d’inverno in Italia. Equipaggi e barche sempre al top che accorrono in gran numero per competere in quello che viene definito il più duro dei campionati. Da tempo l’Invernale di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, ha perso la sua caratteristica di zonale per una connotazione più nazionale: al sabato affluiscono a Riva di Traiano velisti da tutta Italia, dalla Liguria alla Puglia, dalla Campania al Veneto. Competere qui è bello ed appagante. Ci si confronta tra migliori e con i migliori.

      Quest’anno c’è anche un “atout” in più: il primo campionato invernale dedicato agli equipaggi in doppio. In 17 hanno accettato questa sfida e in acqua scenderanno tutti i migliori, a partire dal campione italiano offshore in doppio Stefano Chiarotti. Per queste barche la direzione di corsa ha preparato percorsi specifici, di pari lunghezza rispetto alle barche in equipaggio, ma con due sole boe per evitare disimpegni problematici con tutta la flotta delle 55 barche partecipanti. Numerosissima anche la divisione “regata”, con 21 barche al via e con il campione uscente, il Mylius  Ars Una di Biscarini/Rocchi, deciso a vender cara la pelle di fronte ad una concorrenza sempre più agguerrita. Anche la divisione “crociera” è quest’anno agguerritissima (14 barche) e Francesco Sette (Twins) si prepara a difendere il suo titolo vinto a mani basse lo scorso anno. Ma una grande attenzione è dedicata anche alle 3 imbarcazioni che correranno con “vele bianche”, la divisione “gran crociera”. Per loro ci sarà una maggiore attenzione alla sicurezza e non potranno prendere il via con un’intensità del vento stabilmente maggiore a 15 nodi in partenza e in caso di raffiche maggiori a 18 nodi prima o durante la prova.

    Vedi anche...